Corso Vittorio Alfieri 269, 14100, Asti
+39 0141 594282

Lo scompenso cardiaco, patologia caridaca

Lo scompenso è una patologia cardiaca

Lo scompenso è una patologia cardiaca molto diffusa nei pazienti con più di 65 anni. Si tratta di una patologia complessa nella quale la capacità del ventricolo di riempirsi di sangue e di pomparlo all’esterno è compromessa. Questo comporta una diminuzione del flusso di sangue in tutto il corpo, compromettendo l’apporto di ossigeno e nutrienti ai vari organi.

Chi è più a rischio?

I pazienti che hanno un maggior rischio di sviluppare lo scompenso cardiaco sono quelli che hanno una storia di cardiopatia ischemica (patologia che provoca mancata irrorazione di sangue ricco di ossigeno al muscolo cardiaco, solitamente quando le arterie che portano il sangue al cuore sono ostruite) in particolare con precedente infarto del miocardio o ipertensione, soprattutto se quest’ultima non è ben controllata.

Quali sono i sintomi dello scompenso cardiaco?

Le manifestazioni più frequenti, che possiamo trovare in quasi tutti i pazienti con scompenso sono: la dispnea o fame d’aria (sensazione di non riuscire a respirare) e la spossatezza. I soggetti mostrano sintomi comuni quali:

– il fiato corto anche a riposo, senza necessariamente svolgere attività fisica

-ritenzione di liquidi con congestione polmonare o edema periferico, tipico il gonfiore agli arti inferiori

-evidenze che si possono riscontrare con un ECG.

Lo scompenso è una patologia cardiaca molto diffusa nei pazienti con più di 65 anni; è progressiva caratterizzata da una diminuzione della qualità della vita dovuta al ripresentarsi degli episodi acuti. Nel corso degli anni il paziente, in seguito agli episodi, vedrà diminuire la sua funzionalità cardiaca.

La prevenzione dello scompenso cardiaco è la stessa che aiuta l’organismo a contrastare l’invecchiamento cutaneo, è fondamentale quindi avere una dieta sana, effettuare regolarmente attività fisica, non fumare e limitare l’uso di sale, alcool e cibi troppo raffinati.

Come per altre patologie, anche nel caso dello scompenso, la diagnosi precoce è il primo passo per intraprendere una terapia farmacologica efficace.

Un corretto stile di vita ed una terapia farmacologica sono a loro volta fondamentali per la prevenzione degli eventi secondari in quei pazienti che hanno già un danno cardiaco.

La Farmacia Centrale ha intrapreso un percorso per accrescere le competenze in ambito cardiaco. Qualche mese fa abbiamo sostenuto la campagna di prevenzione della fibrillazione atriale con la misurazione della pressione con un misuratore AFIB. Oggi dedichiamo la nostra attenzione allo scompenso cardiaco cercando di sensibilizzare i pazienti alla prevenzione.

Post Correlati