Corso Vittorio Alfieri 269, 14100, Asti
+39 0141 594282

Cosa succede quando una persona non sente bene: l’ipoacusia.

Oggi cercheremo di approfondire un disturbo che colpisce sempre più persone con l’avanzare dell’età, parleremo del “non sentir bene” cioè l’ipoacusia.

Il significato letterale del termine ipoacusia è “indebolimento dell’udito“, ma più in generale potremmo definirlo un problema dell’udito che si manifesta quando non si sentono bene i suoni o non si capiscono bene le parole. Essa dipende da un fisiologico invecchiamento dell’organo uditivo, motivo per cui è un disturbo più diffuso tra le persone anziane.

Esistono due diversi tipi di ipoacusia:

Ipoacusia trasmissiva: quando la malattia riguarda la parte più esterna dell’orecchio (condotto uditivo, membrana del timpano fino ad arrivare al martello, incudine e staffa). Tra le diverse cause che provocano questo tipo di ipoacusia vi sono i tappi di cerume, le otiti e la perforazione del timpano.

Ipoacusia percettiva o neurosensoriale: in questo caso il disturbo colpisce direttamente il nervo acustico, che è deputato alla trasmissione verso il cervello degli impulsi sonori codificati all’interno dell’orecchio. Le cause in questo caso sono da ricercarsi in traumi acustici gravi, malformazioni o malattie infettive come la meningite.

L’ipoacusia necessità di una diagnosi da parte di un medico: l’otorino, il quale, oltre che ad un’accurata visita sulle condizioni del condotto uditivo e della membrana del timpano può avvalersi di esami specifici come l’audiometrico tonale, quello vocale e l’impedenzometria.

L’ipoacusia è disturbo diffuso che oggi possiamo affrontare e superare grazie agli sviluppi tecnologici in questo ambito. Esistono infatti degli “apparecchi acustici” capaci di “amplificare” in maniera selettiva i suoni che giungono all’orecchio.

Analizzando le caratteristiche strutturali degli apparecchi acustici troviamo:

-il microfono.

-il circuito integrato.

-il ricevitore.

Il principio di funzionamento è molto semplice: il microfono ricveve il suono e lo trasforma in segnale elettrico. Il circuito integrto riceve il segnale elttrico del microfono e lo amplifica. Il ricevitore accetta il segnale elettrico che gli invia il circuito integrato e lo rende disponibile come suono, per raggiungere lo scopo di effettuare la compensazione della perdita dell’udito dell’utente.

Farmacia Centrale mette a disposizione dei propri utenti la possibilità di provare diversi tipi di apparecchi acustici in grado di amplificare  i suoni, compensare i fastidiosi disturbi dell’udito e continuare a vivere una vita serena.